martedì 22 ottobre 2013

Med Diet Camp Cagliari



Come già tutti vi sarete accorti dalle mie millemila foto su Instagram e Facebook, l'ultimo fine settimana di settembre sono stata al Med Diet di Cagliari*.
Il mio primo evento in veste ufficiale di food blogger.
E non è che postassi istericamente perché volessi menarmela (ma forse un po' anche sì), è solo che l'emozione della prima volta porta ad essere un po' idioti. E così si esce di casa sani (ah. ah.) e si finisce col taggarsi al check in dell'aeroporto come le peggio bimbeminkia.
Ma per fortuna (vostra) la 3 prende meno di un cieco al tiro al piattello e così ho smesso subito.

Di questo week end mi ricordo principalmente tre cose: l'umidità al 99%, la compagnia e la dieta. 
Voi non potete immaginare il caldo che faceva (giuro, in inverno non faccio così schifo), come non potete immaginare (o forse sì?) cosa voglia dire andare in giro con delle food blogger. 
Del tipo che si esce insieme dall'hotel con l'intento di vedere un po' il centro città. Ci si ferma al negozio di fronte che vende biscotti artigianali. Poi si esce. Ci si ferma al negozio dopo che vende specialità sarde. Si fa una lunga sosta per assaggiare salumi, formaggi e vino. Poi si esce. E ci si siede per un aperitivo. Totale metri percorsi: 50. Totale chili di roba acquistati: 5. Totale roba assaggiata: dati non disponibili.
E poi le chiacchiere. 50 donne insieme, per di più con interessi comuni, sono il delirio totale. 
Per i primi momenti, ma pure ore, gira quasi la testa. Saluti una poi saluti l'altra poi inizi un discorso ma non riesci a finirlo poi ti giri poi ti chiamano poi torni sul discorso di prima poi vorresti parlare con tutte ma non ce la fai. Insomma un casino. Un gran bel casino. Ma poi finisce che nel mucchio trovi anche la tua dimensione e finisci con l'incontrare delle persone veramente valide (leggasi veramente-idiote-quanto-te). E così, tra qualche bicchiere di prosecco e tocchi di pecorino, ti ritrovi a pensare che forse in fondo essere una food blogger non è poi tanto male.
PS per le tre che hanno la coda di paglia e che si son sentite tirate in causa sì, parlo proprio di voi.

E poi c'è la dieta mediterranea. Ultima ma non ultima. Il motivo per il quale tutte eravamo lì.
Voi tutti sapete bene quanto io tra le minchiate che scrivo cerchi sempre di trasmettere una sorta di educazione alimentare in cui credo fermamente. E sì lo so che forse dovrei impegnarmi di più, ma non vorrei rischiare di diventare troppo seria.
Ormai  lo si sente in ogni dove: noi siamo quello che mangiamo.
Cosa da evitare di pensare mentre si addenta un porceddu.

Tutti ormai sappiamo benissimo l'impatto che la nostra alimentazione ha sulla nostra salute. Tutti ormai sappiamo (o forse no?) che se mangiamo sano stiamo anche meglio.
Ma cosa significa mangiar sano? Non ve lo ricordate? Bene, facciamo un ripasso:
tanta frutta e verdura fresca, non trattata, di stagione e possibilmente locale, meglio cruda e quando cotta cotta il meno possibile per mantenere tutti i principi nutrizionali. Cereali di tutti i tipi da alternare possibilmente tutti i giorni, spesso integrali, ovviamente non trattati manco questi. Meno sale e più erbe aromatiche. Parecchi legumi. Poche uova, latticini e carne, più spesso le bianche e raramente le rosse, ovviamente meglio se da allevamenti estensivi. Pesce, ma non quello allevato, tranne i molluschi, né quello a rischio estinzione. Pochi grassi animali. Olio extravergine d'oliva, italiano, possibilmente a crudo. Pochi zuccheri. Un bicchiere di vino ogni tanto. Niente cose confezionate. Niente cose industriali. Niente additivi. Poche cose che hanno un packaging e quando c'è che sia ecologico. Frutta esotica e alimenti importati dal terzo mondo solo se fair trade.
(PS per chiarimenti singoli e motivazioni specifiche chiedete pure a google che io non sono mica un'enciclopedia).

Okok ci ho aggiunto qualcosa di mio ma il senso è chiaro.
E se le togliete, il resto è quella che viene chiamata Dieta Mediterranea.
Che è una delle poche diete che non si fa per dimagrire ma per star meglio e vivere fino a 200 anni (cheppalle ma speriamo pure di no....).

E quindi, infine, grazie a Patty che mi ha coinvolta in questo bellissimo evento. Grazie all'Associazione nazionale Città dell'Olio che si è resa artefice di questa interessante e utile esperienza. Grazie agli Chef, ai relatori e a tutti gli organizzatori. 
E grazie ovviamente a tutte le altre 49 colleghe.

E ora....quand'è che è il prossimo evento??!!

E sì, lo so che le foto fan cagare.



*Il MedDiet Camp è il primo dei cinque grandi eventi pianificati da MedDiet, progetto strategico finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del Programma ENPI CBC Bacino del Mediterraneo 2007-2013. Con un budget complessivo pari a circa 5 milioni di euro e una durata di 30 mesi, il progetto mira a promuovere e valorizzare la Dieta Mediterranea, riconosciuta Patrimonio immateriale dell’Umanità Unesco nel 2010. Oltre all’Italia, che partecipa con Unioncamere in qualità di capofila, il Centro Servizi per le imprese della Camera di Commercio di Cagliari, il Forum delle Camere di Commercio dell’Adriatico e dello Ionio e l’Associazione nazionale Città dell’Olio quali partners, il progetto coinvolge altri 5 Paesi del Mediterraneo (Egitto, Grecia, Libano, Spagna e Tunisia).






16 commenti:

  1. Io non posso sentirmi tirata in causa perché non c'ero e, comunque, se c'ero dormivo. Un alibi di ferro, degno dei migliori serial killer made in USA.
    E comunque mi piacciono anche le tue aggiunte alla dieta mediterranea.

    Qualcosa mi dice che ci vedremo (forse? si spera?) di nuovo presto... sì, è una minaccia, delle peggiori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho delle foto e non ho paura di usarle. Sappilo.

      Ps ma presto tipo fine novembre magari??!

      Elimina
  2. Mia hai fatto morire dalle risate, per la serie " le più buone stanno in fondo" e anche i post più divertenti!
    È stato un piacere essere tutte lì, averti conosciuta e, suvvia, rtiriamocela un pò, soprattutto per chi come te , ma anche me, è stato il primo eventuo da foodblogger!

    Un abbraccio e alla prossima :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Loredana!! E' stato bello anche per me incontrarti e spero ci sia veramente presto un'altra occasione :-)

      Elimina
  3. Ormai lo si sente in ogni dove: noi siamo quello che mangiamo.
    Cosa da evitare di pensare mentre si addenta un porceddu.

    capisci perchè ti adoro???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mh, in realtà non mi è ancora molto chiaro ;-)

      Elimina
  4. Be' c'è anche la dieta senza glutine che non fa dimagrire... ma non so se faccia vivere fino a 200 anni! ;)

    RispondiElimina
  5. beh Vale, tu e le altre 3 vi siete proprio trovare e scommetto che indovino anche ci sono :-)
    per il resto, la tua dieta mediterranea scritta a quel modo, fa venire voglia anche a me di non mangiare la Girella che ho portato al lavoro come merenda (scherzo ovviamente, solo gallette bio di mais).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero almeno con un packaging in mater bi :D

      Elimina
  6. Sei troppo forte.. al Porceddu, sono morta dalle risate ;-)

    ps ce le ho ancora l'immagine delle 3 (con la coda di paglia ;-)
    ciao Vale! un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Vaty!! Un abbraccio anche a te e speriamo a presto!!

      Elimina
  7. fantastica. ma d'altronde se siamo anche amiche, ci sarà un motivo, no?

    RispondiElimina
  8. si è vero le foto fan c..... ma tutto il resto mi è piaciuto assai.
    Luisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :D in mia discolpa posso dire che le ho fatte col telefono....

      Elimina