venerdì 25 gennaio 2013

I pici alla Luganega


Ingredienti per 4 persone:
250 gr di macinato di maiale
150 gr di grana padano grattugiato
un paio di cucchiai di vino bianco
qualche cucchiaio di brodo di carne (si può omettere)

200 gr di farina 00
100 gr di farina di semola rimacinata
2 generosi cucchiai d’olio extra vergine
1 pizzico di sale

La sfida di questo mese è stata tosta.
Non tanto per la pasta in sé, tanto che fosse un smaronamento già lo sapevamo tutti, come ogni pasta fatta in casa d'altronde.
Tanto è vero che quando ad Antonio chiesero: "Ok ti assumiamo. Preferisci fare i fusilli uno ad uno o i saccottini?"
Lui rispose: "No vi prego, la pasta no! Piuttosto parlo coi polli!".
E poi è finito a fare gli abbracci.
E sì, so che sono monotona e ogni tanto sta storia la tiro fuori, ma non posso farne a meno, è un'immagine che ha sempre il potere di risollevarmi il morale.
Dicevamo, che non è stata tosta per la preparazione in sé, quanto per il condimento.
Perchè diciamocelo, è facile (e qui mi verrebbe da citare un aforisma popolare che tratta di sederi degli altri, ma mi tratterrò) parlare di km 0 quando si abita vicino alla campagna in una terra meravigliosa (gnegnegne). Ma per quelli che abitano in città il cui unico km 0 è il super sotto casa come la mettiamo?!
Ma questo tanto non è il mio caso.
Facevo solo un po' di polemica gratuita.
Infatti io, nonostante abiti in una zona che fino a pochi anni fa era semi-periferica con ancora un po' di verde intorno ma che ormai là dove c'eeeera l'eeerbaaa ooora c'eeeè uuuun Auchaaaaaannnn, ho un pezzo di giardino nel quale abbiamo un piccolo orto e tre polli da compagnia.
Mi mancherebbe solo il mulino, giusto per tornare sul discorso di prima.
Anzi, per esser precisi, si tratta di tre galline femmine, chiamate amorevolmente da tutti "Le Ragazze".
E non chiedetemi come faccia a gestire tutto questo oltre ad avere un lavoro di 8 ore che mi tiene fuori casa 11, perché infatti semplicemente io non faccio una mazza; se ne occupa qualcun altro.
Altrimenti mi chiamerei Sarah Jessica Parker e avrei fatto un film.
Tornando alle ragazze, quelle che stanno in giardino, avere una gallina da compagnia in città è simpatico quanto avere un cane.
Con la differenza che non abbaia ma in compenso canta, è meno affettuosa, ti fa meno compagnia, è più autonoma, ti fa le uova, non ti porta il giornale e menchemeno le ciabatte ma in compenso scagazza uguale a un San Bernardo, se non di più. 
Anzi, in effetti ora che ci penso, a parte le uova, avere una gallina è una gran ciulata.
No dai scherzo, è bello sentirle cantare alle 5 del mattino.
E quindi insomma, questo per me è il mio km 0.
Solo che cazzarola, Patty, l'unica volta che ero bella pronta per fare una magnifica pasta all'uovo cosa mi tiri fuori tu??? La pasta di semola.
Eh ma allora ditelo.
Comunque l'uovo, anche se non potevo piazzarlo nell'impasto, ho deciso che in ogni caso avrebbe dovuto essere un punto fermo della mia ricetta semplice e contadina, perché d'altronde in passato chi non aveva almeno un cinque sei sette otto centordici galline nell'aia insieme al cane da menare?
Però mi mancava qualcosa di altro da abbinarci.
E che cos'è che abbiamo qui in Brianza oltre che alle fabbrichette, la fantomatica pecora e l'onnipresente casseoula?
La luganega.
Che non è quella porcheria sottile e lunga che vi rifilano al supermercato.
E no. Perché qui, nella brianzachelavora, non ci accontentiamo mica della semplice carne di suino. 
Eh no, noi, fin dai tempi antichi, ci aggiungevamo anche un sacco di grana padano e del vino bianco e del brodo di carne.
Che non ho ancora capito se servisse a renderla più pregiata o solo a far volume. 
Sta di fatto che il risultato è un qualcosa di delizioso, di cremoso, di saporito, che si scioglie in bocca.
E si dice che il modo migliore per gustare questa prelibatezza sia mangiarla cruda sul pane caldo. 
E si, so che la carne cruda di maiale dicono vada evitata per via della tenia, però dai se me lo dice un macellaio mi fido. 
Oddio. Mi fido???!
Beh ormai è tardi. Ormai è tardi!! Non si torna, comunque sia! e quanta nostalgia uh uh.
Eppoi comunque prendere il verme solitario c'ha sempre i suoi vantaggi: ci pensate a quanto potrò mangiare senza assimilare niente??
E quindi insomma, da qui alla carbonara sbagliata der norde il passo è stato breve.
Quindi ho impastato i miei pici seguendo rigorosamente la ricetta della PattyPat e poi ho fatto le mie polpettine di luganega.
Che, attenzione, non sarà quella del marchio depositato ma a me pare uguale (ma shhhh, ditelo a bassa voce).
Per i pici vi copio paro paro il procedimento della Patty, che è inutile far fatica in due:
"Fate la fontana con le due farine miscelate. Versate l’olio, il pizzico di sale e cominciate a versare lentamente l’acqua, incorporando la farina con una forchetta. Attenzione al sale. Non esagerate perché questo indurisce la pasta.
Quando la pasta comincerà a stare insieme, cominciate ad impastare con energia utilizzando il palmo delle mani vicino ai polsi. Se necessario, aggiungete acqua o farina.
Piegate la pasta su se stessa come quando impastate la pasta all’uovo e non stirate mai troppo l’impasto per non sfibrarlo.
“Massaggiate” con energia per almeno 10 minuti. Ricordatevi che la vostra “palla” di pasta è una cosa viva, dovete volerle bene.
Dovrete ottenere una pasta liscia, vellutata e abbastanza morbida.
Fate riposare una mezz’ora avvolta nella pellicola.
Quando la pasta è pronta, tagliatene un pezzetto e fatene una pallina, quindi sulla spianatoia stendetela con il matterello ad uno spessore di 1 cm. Con un tagliapasta o un coltello affilato, tagliate tante striscioline larghe c.ca 1 cm e coprite il resto della pasta con la pellicola affinché non si secchi.
Cominciate a "filare" i pici, rollando la pasta con il palmo delle mani e contemporaneamente stirandola verso l'esterno." 
Per le polpettine invece mischiate la carne tritata con grana, brodo di carne, un goccio di vino, sale e una spolverata di pepe.
Amalgamate bene e formate delle palline grosse come nocciole giganti (?!).
Scaldate una padella antiaderente, versateci un filo d'olio e rosolatele velocemente a fuoco alto in modo da farle rimanere rosate all'interno.
Sbattete 2 tuorli in una ciotola capiente, versateci la pasta bollente appena scolata, aggiungete le polpettine e mischiate il tutto.
Servite con abbondante pepe.

Con questa ricetta partecipo all'MTC di gennaio.


61 commenti:

  1. Ahahahahahahah!
    Sto morendo dal ridere...per tutto! ç_ç
    Senti ma perché una delle galline non la chiami Rosita? Dici che ti manca solo il mulino, ma senza una Rosita non sarebbe comunque la stessa cosa :P
    Son stupendi i tuoi pici, mi han messo famissima :)
    Un bacio cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah hai ragione, dai una la chiamo Rosita, e le altre due??? Pensiamoci!!!!
      Grazie carissima Elisa :)

      Elimina
  2. Vorrei essere la prima a commentarti, perché i tuoi post sono tra i più belli del web, tra i più esilaranti ed intelligenti ed io quando ti leggo inizio bene la giornata, divento tutta frizzantina, insomma mi fai l'effetto di una bella caramellina di acido (che poi non so che effetto fa ma me lo immagino) solo che non mi bruci i neuroni. E alla fine, dopo aver letto e riso, mi rendo conto che il tuo pensiero è fantastico, la tua idea geniale e la tua realizzazione da grandissima cuoca. La luganega è qualcosa con cui sono cresciuta avendo mamma lombarda che (non so come né dove) è riuscita a servirmela anche quando ci siamo trasferiti in Toscana e tutt'ora ci fa certi piatti che mi fanno piangere di felicità. La tua carbonara di luganega è favolosa e divertente come sei tu. Ti adoro. Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Patty!!!! Senti, non vorrai mica farmi commuovere di prima mattina eh? Va che io piango anche con la pubblicità degli swatch!
      E va che se vinco non ti agevolo mica la prox volta eh? ;)
      Comunque lieta di averti qui così presto e lieta di non averti bruciato (ancora) i neuroni. Tienili ben cari che poi come facciamo senza di te??
      Grazie ed un abbraccio gigante.

      Elimina
    2. porcapaletta, sono arrivata seonda... e adesso??? la tua caramellina di acido mi è andata di traverso, patti, mannaggiate... quasi quasi facciam vincere la vale, dai... se solo riscrive che non ti agevola per niente :-)

      insomma, ha già detto tutto la compara, qua sopra. Ma se vuoi, te lo ripeto, paro paro. specie nella parte dei post esilaranti, divertenti, intelligenti, ben scritti, pieni di brio, dissacranti, scanzonati e le ricette son tutte da porca figura. Se passa di qui il bellantonio, molla la Melanie e la Cesira e sposa te. Me lo sento.

      Ti adoro alla seconda (tiè, Patty, tiè)

      Elimina
    3. NONAGEVOLERO'LAPATTYNONAGEVOLERO'LAPATTYNONAGEVOLERO'LAPATTYNONAGEVOLERO'LAPATTYNONAGEVOLERO'LAPATTYNONAGEVOLERO'LAPATTYNONAGEVOLERO'LAPATTYNONAGEVOLERO'LAPATTYNONAGEVOLERO'LAPATTYNONAGEVOLERO'LAPATTYNONAGEVOLERO'LAPATTYNONAGEVOLERO'LAPATTYNONAGEVOLERO'LAPATTYNONAGEVOLERO'LAPATTYNONAGEVOLERO'LAPATTYNONAGEVOLERO'LAPATTYNONAGEVOLERO'LAPATTYNONAGEVOLERO'LAPATTYNONAGEVOLERO'LAPATTY

      e per il resto...io vi adoro alla terza!!!!! :)))

      Elimina
  3. Ah i pici... Mi fa venire in mente la prima volta che li ho mangiati: pici con l'agione a Firenze... Il mio compagno ancora si ricorda l'aroma delizioso che ci tenne compagnia per ben tre giorni (O.O)!
    Non mi perdo mai i tuoi post, non tanto perchè sia appassionata di cucina, come sanno già tutti, ma perchè mi fai divertire da matti :D
    Un saluto enorme soprattutto alle tre galline da compagnia, troppo forti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha guarda, l'importante in questi casi è mangiarne in due! Quindi avete fatto bene. Sai sennò quanto te l'avrebbe menata se li avessi mangiati solo tu??? :)
      E poi suvvia, l'aglio fa benissimo! Non ai rapporti interpersonali ecco, ma per il resto si ;)
      Comunque tranquilla, qui di aglio non ce n'è traccia! :D
      Grazie carissima Robin
      Le ragazze ricambiano :)))

      Elimina
  4. Quasi quasi mi fai venir voglia di prendere qualche gallina :P
    il verme probabilmente ce l'ho già...magari anche 3 o 4 con tutta la carne cruda che mi son mangiata!!!ma va bè...questi sono dettagli ;)
    Io a questo punto ho già fame e la mattinata è ancora lunga...argh!!!
    un abbraccio (non quelli del signore di cui sopra) ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha ecco il tuo segreto, è per quello che sei magra!!! :D
      Allora, con tutta la fame che avevi, li hai preparati o no per pranzo??? :))

      Grazie cara, e un saccottino anche a te ;)

      Elimina
  5. Vale, ho come l'impressione che tu sia stata posseduta mentre pensavi a questa ricetta: in un sol piatto carne di maiale, vino, uova e pasta! Com'è?! Ti volevi vendicare di qualche amico vegano?! :-)
    Ovviamente da Lumbard sono fiera che tu abbia proposto la nostra luganega (ma ti confesso che l'unica salamella che ho mai mangiato cruda sul pane è quella tosHana del paese di mi' zio) ma per un istante, ho temuto ci fosse carne di gallina in quelle polpettine...
    Come al solito per me tu te se la miglior tusa del web! :-)
    un bel basin

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah dimentichi il formaggio! Mannaggia, perchè non ho pensato a metterci anche due fagioli? Così sì che avrei fatto un piatto completo!! :)))
      E nononono le galline stanno ancora benissimo! Almeno finchè riesco a salvarle da mio papà che spera da tempo inciampino o cadano volontariamente sul barbecue che usiamo l'estate O_o
      Grazie cara Roby! Un bel basin ancha a ti! ;)

      Elimina
  6. E' sempre un piacere leggerti... il km 0 per me non esiste dato che è impossibile...ma le tue ragazze sono favolose, devo dire che sono un bell'aiuto a parte che sulla pasta di semola che loro non servono...
    Piatto delizioso...complimenti...buon fine settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vale che meraviglia ti sono venuti! Perfetti per accogliere ed abbracciare questo delizioso condimento! Baci

      Elimina
    2. @Kappa ecco infatti, noi si che ci capiamo sul km 0! Io a parte due verdure e due ovetti, per il resto prendo tutto ad almeno km 50 :)
      Grazie carissima e buon fine settimana anche a te!

      @Grazie Ely! E' stato un lavoro lungo e faticoso ma ne è valsa la pena ;)

      Elimina
  7. Super maxi respect per le galline da compagnia! Grandissima!
    Tanti tanti complimenti per la pazienza avuta nel tirare i pici così perfetti uno ad uno...io col cavolo! Adoro i pici ma li ho sempre e solo comprati già fatti.
    E poi scusa, vogliamo parlare di quella polpettina? Fantastica, tu ridi e scherzi con i tuoi post sempre divertenti e anche un pò irriverenti, ma di idee e capacità in cucina ne hai da vendere!
    Per quanto riguarda gli abbracci di Antonio...carissima, ti dirò che da quando sono andata a vedere il gatto con gli stivali, ogni volta che passano quelle pubblicità io mi immagino un micione rosso che farcisce brioches e prepara biscottini...dannato film!!! Mi ha distrutto completamente l'immagine figosa di Banderas (che è oggettivamente figoso e affascinante)...ma appena sento la voce, ahimè, lo associo al peloso rossiccio ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah ormai con tutti questi fans delle galline mi toccherà postare qualche foto, almeno gli date un muso! ;)

      E per Antonio, il gatto nella pubblicità al posto suo di sicuro sarebbe stato più divertente!!
      O forse no? O_o
      Comunque ok, non ci avevo ancora pensato ma da ora Banderas=peloso rossiccio. Antonio ti ringrazia :D

      Grazie cara Lina e a presto! Buon fine settimana!

      Elimina
  8. Oooh era ora che presentassi al tuo pubblico Le Ragazze!! Adesso ci vorrebbe qualche foto...e magari anche un post su che fine hanno fatto le altre 2 (o 3 ??) chiamiamole "di scorta"...Visto che son giusto 3, hai pensato che potresti cambiare i nomi in Grazia, Graziella e Graziealc...?? Comunque bellissima ricetta! Quando la rifai avvisami che mi autoinvito

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meno male che non ti ha letto nessuno.
      Forse.
      Occhio, se non vuoi fare la stessa fine....

      Elimina
    2. cos'è? una minaccia? ok allora non parlerò di quella volta che mi hai invitata a cena e hai cucinato una delle ragazze...ssssasssina!!!

      Elimina
  9. ehm...in effetti sono arrivata qui da te immaginandomi una luganega lunga e stretta...perché quella conosco :D
    c'è sempre tantissimo da imparare, acciderbolina! :)
    mi piace un casino questa tua carbonara alla luganega :)
    un salutone alle ragazze ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehhh vedi?? e invece no! quella originale è larga sui 4 cm!
      E in effetti fa pure un po' senso O_o

      Grazie Milena! le ragazze ricambiano ;))

      Elimina
  10. Tu Vale mia hai l'arte nelle mani, non c'è che dire. I tuoi pici sono di una precisione impressionante.
    A Parte che sull'ispanico del mulino ti capisco, sono cose che segnano, ti entrano nella testa e da quel momento in poi nulla è più lo stesso.
    Quanto alle galline scagazzanti uno non può nemmeno dire "gli metto un tappo in c..." perchè poi le uova da dove escono?
    Ecco, ora che come al solito ho dimostrato quanto so essere scurrile posso salutarti ;o)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahahha Vale, mi fai morire. Mi mancavano questi tuoi commenti :DD

      PS comunque a proposito di precisione, vogliamo parlare dei tuoi che sembran trafilati???

      un bacione

      Elimina
  11. Cara Vale, veramente complimenti per questo bellissimo blog!
    Vogliamo invitarti a conoscere un nuovo modo di divulgare, condividere e cercare ricette on line: attraverso bellissime immagini food italiane, in un portale da mangiare con gli occhi...

    Abbiamo centinaia di foodbloggers fra i nostri utenti e migliaia di visitatori al giorno, il tuo blog è molto bello e potrebbe far parte del nostro socialfood!

    Visita adesso http://www.foodlookers.it

    Lo staff Foodlookers

    RispondiElimina
  12. Che spettacolo di post, mi sto spataccando. Senti, se ti porto un bormioli, non è che me lo procuri, un etto e mezzo di tenia ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahahh vediamo cosa si può fare :D
      pur di incontrarti...questo ed altro :DD

      Elimina
  13. Per quanto mi riguarda meriteresti la vittoria solo per il post...:non ti grattare le cosiddette che non hai! Notte cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :DDD ti ringrazio e ok, terrò le mani a posto!! :DD

      Elimina
  14. Speriamo che vinci, speriamo che vinci, speriamo che vinci... le polpette grandi come nocciole giganti (?!) mi accompagneranno nella vita per un sacco di tempo ;)
    Sei geniale e ricercata, anche se non vuoi darlo a vedere e mi inchino davanti a questi pici. Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..e non hai paura della ricetta che potrei tirarti fuori in caso di vittoria??? abbine!! :D

      grazie carissima Mari
      un bacio enorme

      Elimina
  15. dopo aver letto un tuo post non so mai da dove cominciare.. dalla ricetta, dalle galline, dai km zero... sei sempre esilarante, condivido il pensiero della patty quando dice che i tuio post sono tra i più belli del web, ogni volta che vedo una tua ricetta apparire nel mio blogroll penso "ooohhh che bello, vado a farmi due risate dalla Vale!!" non che tu sia solo divertente ma sei proprio brava a esprimere i concetti.. va beh dai adesso è il momento della gallina... non ho mai sentito nessuno che ha le galline da compagnia.. ahhhh, le ragazze.. ahhhh, sei avantissimo!! e la ricetta!?!?!? che te lo dico a fà.. adoro la carbonara e accompagnata a queste polpettine è una meraviglia cara!!! un grosso bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tiziana!!! non sai che onore mi fa leggere queste tue parole :)
      grazie grazie grazie, qui sei e sarai sempre la benvenuta! :)
      e per le galline da compagnia, che dire, dopo averle cresciute da pulcini e avendo un super sotto casa...chi trova il coraggio di farle fuori per mangiare un pollo arrosto??? nononono meglio muoiano di vecchiaia :)))
      a presto carissima, un abbraccio

      Elimina
    2. te le meriti!! i miei hanno le galline e mio nonno le fa fuori perchè lui è vecchio stampo e per lui è assolutamente normale, ma mia mamma dice che quando lui non ci sarà più moriranno tutte di vecchiaia perchè non ha il coraggio di ucciderle, e dopo non si mangia più pollo!!! baci baci

      Elimina
  16. Cavolo, la luganega (come l'hai chiamata tu) cruda é una goduria se, ti fidi. Ahimé.
    buonissima versione, avrei voluto vedere uno step-by-step della filatura dei pici. Mi sarei divertita molto sai? :)
    ahahah
    Bellissimo post come al solito. Ma con tutti sti superlativi rischio di essere ripetitiva.
    No?
    Ok, sei grandissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si ma come faccio a postarti uno step by step della filatura dei pici che ho comprato???
      no dai, faccio la seria, li ho fatti fare a mia mamma.
      muahahah no dai scherzo, li ho fatti io.
      e si, ti saresti divertita tanto, soprattutto nel momento in cui, spostando l'asse della pasta dalla cucina alla sala per liberare il tavolo, mi son rotolati quasi tutti in terra.
      sisi, proprio divertente.....

      Elimina
    2. ahah sei il mio idolo, sappilo.
      Temo comunque ancora che tu li abbia fatti fare alle galline. Nel tuo mondo, probabilmente, si può :)
      Un bacione

      Elimina
  17. Ahahaahahahahah :D Quando vengo qui e ti leggo mi sento subito bene, se poi sono allegra lo divento ancora di più :D Brava la mia Vale, sei grande... davvero <3 Mi è venuta voglia di fare i pici, magari settimana prossima ci provo... I tuoi sono perfetti e anche il condimento mi piace molto! Complimenti e un abbraccio, buon sabato! :**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :D Valeeee dai prova a farli sti pici! tanto lo sappiamo già che verranno uno spettacolo! :)
      Grazie carissima, sei sempre un tesoro :)
      Un abbraccio e buona settimana

      Elimina
  18. io voglio ASSSSSSOLUTAMENTE provare sta luganega. che ci siamo intese??? non è che avendola usata, ti salvi dalla storia. anzi! peggio ancora ora, perchè mò mi ci incaponisco ed esigo l'assaggio. lo scambio con la salsiccia di Bra, che in realtà non è a km zero per me, ma sicuramente a km più vicino del km tuo se volessi assaggiarla... ti va? che pure la salsiccia di bra si deve mangiare cruda, assolutamente! e poi... le galline da compagnia? vogliamo parlarne? io le uova le prendo dalla mia nonna, già fatte e finite. e ottime. però, mettiamola così, faccio sicuramente prima. un bacino streghetta! sere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahah Sere! l'assaggio per te A PRESCINDERE era scontato!! :DD
      e certo che mi va!! dobbiamo solo aspettare il giorno giusto, che sennò sta roba cruda poi mi spaventa davvero ;)
      un bacione

      Elimina
  19. Ma i tuoi pici sono perfetti!!!!
    Anch'io voglio una gallina........

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Bucci!
      daidaidai prendi un pulcino! ti corre anche incontro e si fa accarezzare, giuro!
      son soddisfazioni ;)

      Elimina
  20. No senti, Tesora... le Ragazze? Solo tu potevi davvero risollevarmi il morale: ragazzo malato, noioso, lamentoso, impossibile. Sindrome premestruale (parliamo una volta, eh?!), lavoro ai limiti (ed oltre) dalla noia barra ansia di prestazione. Dunque, tu mi tiri fuori le amiche Galline? No, vedi.. le voglio pure io. Contest o meno, foto fighissima per carità, ma le Ragazze, le voglio pure io! Uffa!!!

    Sono soddisfazioni, questi passaggi da Salequbi, c'è poco da fare, Ragazze!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaaah Mari! Grazie! E' un onore sapere di averti risollevato il morale!
      Ma comunque, contest foto e ricetta a parte, siamo proprio sicuri sia una buona idea prendere delle galline avendo già due gatti??!!
      E mi preoccupo per i gatti ovviamente, sia ben chiaro.

      Elimina
  21. Sono arrivata tardi, tardissimo stavolta! Che sei brava, bella, buona e hai le galline te l'hanno già detto tutti. E io che faccio? Mi ripeto? Sai che noia...
    Però sta luganega l'assaggerei. Scambio pescetto del mare di Sicilia con salsiccetta brianzola...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Macchè tardi, ho appena pubblicato!
      Ahahah no infatti, non star lì a ripetere, so già che mi adori :DDD
      E uno scambio pesce fresco-salsiccia dici??! Ammazza, certo che sì!! Apriamo un import export???!! ;)

      Elimina
  22. mi sa che mi cimenterò anch'io molto presto nel fare questi pici...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. prova!! ne rimarrai estasiata :)
      eppoi sul sito di Patty ci sono pure tutte le foto dello step by step, non si sbaglia!! :)))

      Elimina
  23. ti gggiuro che quando ho letto che il regolamento parlava di km 0 mi è venuto in mente il tuo orticello e ho pensato "ma che culo!"... ma mica mi aspettavo che tiravi fuori le galline! anche se in effetti, ripensandoci, forse per ora l'orticello sarà un po' ibernato...
    devo dire che sei stata una vera donnina-contadina di casa e che il tuo km 0 l'hai davvero valorizzato reinventandoti la carbonara! e anche se non ho mai mangiato la luganega - mi pento e mi dolgo - da come la descrivi l'accostamento con i pici mi piace moltissimo.
    bellissima ricetta, nell'idea e nell'esecuzione, che si finge semplice... ma mica vero!!!

    :*
    roberta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah son piena di sorprese, visto??
      la luganega tranquilla, la fanno solo in due posti ed è quasi introvabile anche per me -_-
      però ti prometto che ne porto un paio di metri quando passo da Palermo, ok?
      grazie cara Robi!
      buon weekend!

      Elimina
  24. Hai ricevuto un piccolo premio da parte mia, se ti va, vieni a riceverlo! un caro abbraccio.
    Virginia
    http://yogurtshades.blogspot.com/2013/01/liebster-award.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Virginia!! Sei stata un tesoro :))

      Elimina
  25. i tuoi post mi divertono molto ;) ti seguo da poco, ti ho scoperto grazie alla meravigliosa Valentina della piccola locanda bianca...e ho incominciato subito a sperimentare una tua ricetta , il pane con le noci , riuscita stranamente benissimo ...e ora mi hai fatto venir voglia di provare la pasta fatta a mano.
    con la descrizione delle galline o meglio delle tue ragazze mi hai fatto sorridere...con delle amiche di vecchia data abbiamo fondato un club ( barcollante )indovina come si chiama? Delle galline ;P
    buon giovedì
    iaia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Iaia! Grazie! Bello vederti da queste parti e sapere che arrivi dalla Vale, per la proprietà transitiva è già una garanzia! E' veramente meravigliosa ;)

      Solo che, ma come STRANAMENTE??? avevi dubbi??? :D

      hahaah bello il club della galline :DD

      Elimina